NEANCHE VIRGINIA RAGGI HA DISTRUTTO ROMA …


MA CON UN SECONDO MANDATO … CHISSA’

Quando sentiamo o leggiamo che Virginia Raggi sarà ricandidata per un secondo mandato abbiamo l’impressione di vivere un paradosso e avvertiamo come una vertigine. Pensiamo di non aver capito o di essere immersi in un incubo, forse presto ci risveglieremo e ci rideremo su di gusto.

La realtà è invece nuda e cruda: un partito che si autodefinisce movimento (privo di scrupoli e attento solo a mosse volte alla conservazione del potere) e un partito, il PD, che fa finta di non capire e che gioca una partita opaca, con l’intento di arrivare al Campidoglio proprio con l’aiuto di quel movimento.

Si dice che accordi sottobanco per battere le destre nella capitale porterebbero il PD a desistere da una forte critica alla giunta uscente, per poter contare nel secondo turno delle votazioni (se ci sarà un secondo turno) sulla confluenza dei consensi del M5S sul proprio candidato… Se così fosse avremmo a che fare con un’operazione ambigua che ingannerebbe i cittadini, ma che darebbe anche la possibilità all’attuale Sindaca di ri-giocare le proprie carte. Perché, come si dice, “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi” e potrebbe ribaltarsi completamente l’esito auspicato.

Chi dà al PD la certezza che al primo turno il proprio candidato prenda più voti della signora Sindaca? Forse i sondaggi? C’è un evidente rischio che le cose possano andare nel verso contrario a quello sperato dal PD, un rischio che solo uno sciagurato vertice di partito sembra disposto a correre, rifiutando un’alleanza strategica con Italia Viva e gli altri partiti del centro sinistra, e con l’adesione di forze civiche; una coalizione che possa esprimere un candidato forte, una figura politica fuori dai compromessi falliti delle vecchie strategie del partito romano centrato sullo stratega Bettini.

Consentire una riproposizione di Raggi, pur con la vera finalità di non farla rieleggere, significa aver dimenticato come ha gestito i problemi della città, e allora qui, per i meno attenti, riproponiamo un breve ricordino illustrato degli esiti di questa Consigliatura. Si tratta di poche immagini da riviste e giornali che hanno documentato il degrado di Roma.Poche immagini da innumerevoli articoli ed altre immagini. Su questo e altri temi, sui quali torneremo nei prossimi mesi.

Ma Roma è forte, ha resistito alle orde barbariche, è sopravvissuta per oltre 2000 anni di storia, e neppure Virginia Raggi riuscirà a distruggerla a meno che non le sia concesso un secondo mandato. In tal caso bisognerà rassegnarsi a cambiare città.

(C.P. e M.V.)

Non c’entrava la jihad, quanto piuttosto lo sfascio dell’Atac

da L’Eco di Bergamo, Mercoledì 09 Maggio 2018 –  Bus in fiamme a Roma Specchio del degrado

Di nuovo bus in fiamme a Roma

Da “Non è la radio” del 15 Marzo 2019E’ successo ieri sera a piazzale Clodio, sul posto sono accorsi i vigili del fuoco per spegnere le fiamme.

Roma, autobus in fiamme: fumo nero e paura a Tor Bella Monaca

E’ il 24° dall’inizio dell’anno – Intorno alle 13.00 in viale Anderloni. Le fiamme hanno avvolto una vettura della linea 20 Express- Da La Repubblica 25 settembre 2019

L’autobus in fiamme a Tor Bella Monaca (foto da #Odissea) 

Roma, tra topi e rifiusti Stazione Metro Cipro affoga nel degrado

Da Il messaggero.it – 13 Dicembre 2018

Foto di Agenzia Dire